Blog

Giovani artisti europei nei Comuni della Valle delle Abbazie all’insegna dello scambio e delle contaminazioni culturali
03 dicembre 2018

Prima Settimana del Patrimonio Culturale del progetto “Refresh” che proseguirà con altre iniziative fino all’aprile 2019 coinvolgendo 48 giovani talenti per la promozione del territorio in ambito internazionale

Fruire del patrimonio culturale in maniera diversa, tessere relazioni più strette con il pubblico puntando ad attrarre altri spettatori, sostenere l’interazione tra patrimonio culturale, organizzazioni di artisti e pubblico con diverse esperienze formative, favorire la mobilità transnazionale di giovani di pittori, scultori, performer, fotografi, videomaker e musicisti. Con questi obiettivi, nell’ambito del progetto comunitario “Refresh”, nell’anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018, sono stati avviati degli scambi culturali che nel mese di settembre hanno portato sul nostro territorio, nei comuni della Valle delle Abbazie, una settimana di “contaminazioni” tra giovani talenti europei.

Il progetto, che vede partner locale l’Associazione Itaca, ha coinvolto l’associazione delle Città storiche di Slovenia di Škofja Loka, il Moldova National Museum Complex di Iasi in Romania e la Fundacion Universitaria San Antonio, Murcia, in Spagna, oltre ai Comuni del medio Vomano - che hanno ospitato la delegazione internazionale di artisti - di Basciano, Canzano, Cellino Attanasio, Cermignano, Notaresco e Penna Sant’Andrea. Il progetto proseguirà anche nel 2019 con l’organizzazione di quattro Settimane del Patrimonio Culturale (Refresh Heritage Weeks – RHW), organizzate in Abruzzo.

In tutto 48 giovani artisti, di cui 12 italiani, avranno la possibilità di viaggiare e lavorare per una settimana alla creazione di nuovi prodotti artistici innovativi, capaci di “rinfrescare” (da qui il titolo del progetto) il patrimonio culturale dei rispettivi territori. Gli studenti, i residenti e gli artisti saranno invitati a creare un video finale, in relazione al patrimonio culturale da promuovere. Il progetto ha durata biennale 2018-19 e al termine di ogni anno i migliori video saranno selezionati e premiati. La prima settimana, con la direzione artistica di Antonella Fabri, si è svolta nel Teramano, nella Valle delle Abbazie, dal 2 all’8 settembre scorso, incentrata sul tema della musica.  Proprio i centri storici e i siti di interesse culturale del territorio della Valle delle Abbazie sono stati la fonte di ispirazione per sette giovani musicisti internazionali che - guidati dai tutor, il professore Luigi Candelori, M° Carlo Michini e M° Francesco Sbraccia – hanno lavorato in uno scambio continuo di esperienze e metodi insieme ai ragazzi dell’Orchestra Sinfonica del Conservatorio ‘Braga’ di Teramo. Esperienza culminata in un concerto finale che si è svolto nella suggestiva cornice nell’Abbazia di San Salvatore a Canzano. Si sono svolti anche seminari e incontri per lo studio delle tradizioni musicali come linguaggio comune dei popoli, dando spazio a musica etnica, contaminazione e a nuove forme musicali: ad esempio si sono esibiti rapper provenienti dal Centro Italia come i C.U.B.A. Cabbal e Banana Spliff, insieme a diversi giovani dj. Durante le esibizioni i writer partecipanti hanno realizzato un’opera ispirata alla Valle delle Abbazie. Altre tappe sono stati i concerti di musica classica organizzati dall’Associazione Luzmek di Canzano nelle Abbazie di Santa Maria di Ronzano a Castel Castagna e di Santa Maria di Propezzano a Morro d’Oro.

Il progetto “Refresh”, che mira a fare della Valle delle Abbazie una meta di turismo culturale ed esperienziale in ambito internazionale in virtù delle tante attività proposte, è arrivato al primo posto tra i 29 progetti che sono stati finanziati a livello europeo e proseguirà con ulteriori scambi fino all’aprile del prossimo anno.

counter